riga
Scarica il Flash Player per visualizzare il filmato!!
Home arrow Collaborazioni arrow Osservatore Romano arrow OR 2013 arrow Antisemitismo in libertà al festival rock
Antisemitismo in libertà al festival rock PDF
di C. Dobner
 
 
Estate 2013, tempo di incontri, di feste rilassanti. Anche in Belgio a Werchter, paesino fiammingo a 30 km da Bruxelles, tra il 4 e il 7 luglio scorso un concerto ha radunato ben 35.000 persone. Una manifestazione internazionale imponente con giovani provenienti da ogni nazione.
Il festival Rock Werchter è il gemello del Festival Pukkelpop, mi dicono gli esperti perché io proprio di rock non me ne intendo per nulla. All’ingresso ti infilano un braccialetto di riconoscimento e ci si ritrova dinanzi a due palchi ed ecco inizia lo spettacolo con ben 78 artisti applauditissimi.
Il clima e lo stile così è tracciato, con buona pace degli amatori che hanno tutto il diritto di godersi una musica a loro gradevole.
Hanno anche il diritto di disegnare sulla schiena di un maiale la stella di Davide e di non venire denunciati? Vogliamo varare leggi su ogni tipo di X-fobia, continuiamo a parlare di rispetto per ogni religione e ogni umano e poi cadiamo in una simile vergognosa trappola?
Ben viene a proposito il libretto di G. Scholem, stampato dall’editrice Giuntina: La stella di David, storia di un simbolo.
Gershom Scholem è un ebreo berlinese, amico di Benjamin Walter ed Hanna Arendt, fuoriuscito dalla Germania nazista e stabilitosi in quella che allora si chiamava Palestina, che dopo la proclamazione della spartizione nel dicembre 1947 da parte dell’ONU e la dichiarazione di indipendenza del 1948, diventerà lo Stato d’Israele.
All’Università di Gerusalemme lo studioso, cinquantenne, insegnava mistica ebraica e scrisse, di quei tempi, un saggio per precisare la vera storia del Magen David, cioè della Stella di David, scelta dal governo provvisorio per la bandiera dello stato con capitale Gerusalemme.
Fu l’esito di un lungo dibattito intercorso fra storici ebraici, politici ed esponenti religiosi, in cui si inserì Gershom Scholem con una tesi audace e documentata: da un punto di vista storico, la stella di David non è un simbolo del giudaismo e nemmeno un simbolo ebraico. Tuttavia, lo è diventato.
Le pagine dell’autore sono pervase dalla simbologia applicata ma applicata sul terreno della storia: l’esagramma indicò la lotta sionista che condusse tanti giovani pionieri alla terra e, soprattutto, divenne terribile e terrificante emblema di tutti gli ebrei che, durante la follia nazista, furono costretti infatti ad appuntarla al petto. Segno di umiliazione per il delirio nazista, segno di fiera appartenenza per gli ebrei. Segno indiscusso di enorme sofferenza « la stella gialla, come segno di esclusione e in ultimo di sterminio, ha accompagnato gli ebrei nel loro cammino di umiliazione e di orrore, di battaglia e di eroica resistenza. Sotto questo segno furono assassinati, sotto questo segno vennero in Israele» (p. 133).
Il divenire quindi rese il Magen David, segno inequivocabilmente ebraico: «il segno che ai nostri giorni è stato santificato dalla sofferenza e dal terrore è diventato degno di illuminare il cammino verso la vita e la ricostruzione. Prima di ascendere, il cammino aveva condotto giù nell’abisso: dove il simbolo subì la sua estrema umiliazione, là conquistò la sua grandezza» (p. 134).
Lo scritto di G. Scholem da occasionale nella nascita e composizione, si venne dimostrando attuale, sia per la tematica in sé, sia per il pensiero dello stesso autore, nel senso della sua propria evoluzione intellettuale.
Conoscere è doveroso, è un imperativo per raggiungere quella consapevolezza che impedisca di tacere, come in troppi hanno fatto nel passato e non ripetersi nel nostro presente e non finire al degrado umano e intellettuale dimostrato a Werchter.
3 agosto
 
< Prec.   Pros. >

Chi e' online

Davar

“Canto delle ascensioni. Nella mia angoscia ho gridato al Signore ed egli mi ha risposto.” (Salmi 120:1)

Powered by BibleGateway.com