riga
Scarica il Flash Player per visualizzare il filmato!!
Home arrow Collaborazioni arrow Sir arrow S 2013 arrow Sei vite spiaggiate
Sei vite spiaggiate PDF

di C. Dobner

Da che parte vogliamo stare?
Chi non ha mai sperimentato quello stato d’animo che implode dentro e fa sussultare di gioia o di trionfo quando, dopo sforzi, aspettative deluse, fatiche improbe e rischi, finalmente si giunge al traguardo agognato?
Spesso sono proprio gli ultimi metri a tradire, salta la concentrazione, l’attenzione si allenta o interviene quel famoso quid che stravolge tutto.
Indubbiamente una gara atletica è importante, un diploma scolastico oppure un passaggio di carriera impegnano e valgono nel corso della vita. Tuttavia sono tappe, magari si possono riprovare, scandire tempi diversi, ritrovarsi in faccia a opportunità inedite. La creatività dell’esistenza sorprende o può sorprendere.
Quando invece è in gioco la vita? O la si ritrova o la si perde, con un giudizio finale inappellabile?
Il dolce mare Mediterraneo, tomba odierna nei suoi fondali di tanti nostri fratelli e sorelle disperati, non perdona neppure nel placido momento delle ferie.
Un vecchio motopeschereccio con stipati, peggio degli animali che dalla loro avrebbero il Wwf, 120 migranti che si lasciano alle spalle tutto nel tentativo di salvare l’unica cosa che loro resta: il fiato, la vita che naviga di notte con il mare cupo, che è idillico e ridente di stelle solo a bordo di una barca a vela ben attrezzata. All’albeggiare sul profilo dell’orizzonte si annunciano le coste della Sicilia, promessa di salvezza, traguardo ormai che rassicura.
Imperizia? Si può parlare di carte nautiche a bordo di simili bagnarole? Si può ipotizzare l’esistenza del radar, del sonar? Peggio: una persona esperta li accompagnava nel duro trasporto?
Quindici metri per chi sappia nuotare si codificano in poche bracciate, ma per chi ritiene di poter camminare sul fondo del mare perché la bagnarola si è arenata, vale lo stesso conto?
In sei hanno sentito cedere il fondo del mare e aprirsi una buca che li ha travolti. Sei corpi riversati sulla sponda di Catania. Altri sei fratelli morti che gravano sulla nostra coscienza, di tutti noi che nulla facciamo, in concreto, per loro.
I generosi soccorritori, guardia costiera e sommozzatori dei carabinieri, non hanno potuto che constatare. La popolazione catanese ha dimostrato animo nobile: la spiaggia oggi rimane chiusa per lutto.
E i 12.500 croceristi sbarcati contemporaneamente dalle città galleggianti? Forse è l’unica crociera della vita ma l’ingiustizia è palese, dimostrata: sicurezza per denaro, insicurezza per povertà; svago estivo contro miseria incombente.
Da che parte vogliamo stare?

 11 agosto
 
< Prec.   Pros. >

Chi e' online

Davar

“In conclusione, fratelli, tutto quello che è vero, nobile, giusto, puro, amabile, onorato, quello che è virtù e merita lode, tutto questo sia oggetto dei vostri pensieri.” (Filippesi 4:8)

Powered by BibleGateway.com