riga
Scarica il Flash Player per visualizzare il filmato!!
Home arrow Collaborazioni arrow Sir arrow S 2013 arrow Quindicimila schiavi (fra l'indifferenza) nel regno dei pomodori
Quindicimila schiavi (fra l'indifferenza) nel regno dei pomodori PDF
di C. Dobner
Alla parola schiavi si connette immediatamente l’immagine del nero o della nera. Così facendo compiamo un insulto alla persona di colore che identifichiamo solo per il colore della pelle, quando identificare non significhi poi classificare o de-classificare. Schiavo oggi, nella nostra nazione che vuole essere civile e colta e, magari, in ripresa, sta assumendo un significato diverso, cui aderisce vivo il disgusto ma che rimbalza con violenza su di noi e sulle nostre mense: gli schiavi dei pomodori.
Non può lasciare indifferente una simile discriminazione sociale.
L’Italia è ricca di colture di pomodori, frutti che si associano subito a piatti prelibati e gustosi. Non voglio guastare il pranzo a nessuno, neppure a me stessa quando arriva una buona pizza o un piatto fumante di maccheroni al sugo di pomodoro, ma sono state mani e gambe di schiavi che mi hanno servito.
Il lavoro è pesante, non è coadiuvato da macchine che raccolgano, sono necessarie le mani di chi disperato, accetta un lavoro cui nessuno vorrebbe sottoporsi.
Schiavi chinati a testa in giù, con le gambe divaricate per non precipitare a terra, mentre le dita frugano fra i frutti e scelgono solo quelli maturi.
Sotto un sole cocente per otto ore al giorno.
Lavori che, per alcuni anni, abbiamo considerato con degnazione e lasciato ai nuovi schiavi bianchi: ucraini, rumeni, bulgari. Se avvaloriamo le statistiche sono 15mila nel regno dei pomodori.
Quanto guadagnano? 3 € per un cassone da 50 kg di pomodori che richiede un’ora e dieci per essere riempito.
Quante ore lavorano? Dalla 5 alle 11 e dalle 16 al buio. Ben otto ore.
Quale il guadagno totale? 20 €.
E scatta immediatamente un altro inganno, decisamente taglieggiante e feroce: ogni pomodoraio paga 125€ in anticipo per il viaggio di andata e ritorno, 20€ a settimana per l’alloggio.
Il cibo? Sarà qualche pomodoro sottratto al cassone? Perché restano netti 10 €.
Alcune figure si aggirano su questo mercato losco: padroni e figli di papà che, ancora ragazzetti, guardano e osservano, stanno infatti introiettando le maniere schiaviste che, in un futuro non poi tanto lontano, adotteranno con quelle che non considerano persone ma bestie;
Caporali: ognuno guadagna
5€ al giorno per ogni pomodoraio.
Noi inerti a guardare. Nel 2013 fra questi disperati contiamo 800-900 italiani. Schiavi italiani.
Fra i clandestini, che non sanno dove aggrapparsi per sfamarsi, ce n’era uno di 45 anni. Non c’è più: un infarto lo ha stroncato.
Siamo ancora un popolo civile e colto?
 25 agosto
 
< Prec.   Pros. >