riga
Scarica il Flash Player per visualizzare il filmato!!
Home arrow Collaborazioni arrow Osservatore Romano arrow OR 2016 arrow Emergence, renouvellement et critique...
Emergence, renouvellement et critique... PDF
di C. Dobner

Emergence, renouvellement et critique du XIXe s. à nos jours
Sous la direction de Danielle Delmaire, Marie-Hélène Robert et Olivier Rota
Parole et Silence, Paris 2016, pp. 246, 22€.

La Chiesa cattolica è missionaria e i missionari spendono la loro esistenza in tutte le parti del mondo annunciando il Vangelo. Fra la Chiesa e Israele, nel corso del secolo XIX, quali sono stati i rapporti? Quale il significato e la modalità di missione?
Il volume Emergence, renouvellement et critique du XIXe s. à nos jours (a cura di Danielle Delmaire, Marie-Hélène Robert et Olivier Rota
Parole et Silence, Paris 2016, pp. 246) inquieta e mette in discussione, facendo conoscere con un rigoroso metodo storico, servendosi di documenti e usando uno stile sobrio e distaccato, non solo il concetto o l’ideale di missione cattolica verso (o contro) gli ebrei ma anche tutte le vicende cronostoriche susseguitesi negli anni, senza saltare alcun passaggio logico. Il piano sociale, politico e religioso vi si trovano coinvolti ed innervati.
La tensione dialettica o conflittuale venuta a crearsi con la vocazione missionaria della Chiesa cattolica richiede un serio ripensamento, perché «resta uno dei punti maggiori di riflessione teologica cristiana, nel senso che coinvolge anche l’ecclesiologia, la cristologia e l’escatologia». La novità impressa dalla svolta del Vaticano II emerge sempre più nella riflessione teologica attuale. Il dialogo interreligioso è costantemente chiamato in causa, come pure il dialogo ebraico-cristiano perché Israele è “intrinseco” alla vita della Chiesa.
L’apertura a nuove posture è sempre delicata e richiede di considerare simultaneamente il deposito delle Sacre Scritture, la Tradizione ma anche la sensibilità odierna. Lo sguardo, sia degli studiosi (ebrei e cristiani) sia del lettore viene richiamato a posarsi sul «mistero d’Israele e sulle sue implicazioni apostoliche». Nella sua particolare accezione di termine tecnico per la rivelazione della realtà futura escatologica che porterà a compimento il disegno di Dio nella storia.
Viene giustamente chiamato in causa il contesto storico delle prime comunità cristiane e i legami con la sinagoga. Urge che biblisti e teologi riformulino la nostra concezione di comunità ebraico-cristiane in cui storia, teologia e relazioni ebraico cristiane si ritrovano intrecciate.
Dopo la prima metà del XIX secolo, patrocinata e appoggiata da alcuni ambienti e personalità cattolica, la missione ha subito dei mutamenti, oggi quale obbiettivo si propone? Quale la vocazione peculiare di Israele?
Due i poli della ricerca: l’approccio storico sugli eventi e sulla mentalità della missione cristiana diretta agli ebrei dagli inizi del secolo XIX fino al Vaticano II; l’approccio teologico ed esegetico che osserva la dinamica, inedita, dell’articolazione odierna fra missione e dialogo ebraico-cristiano.
Si trascorre quindi dal saggio di Danielle Delmaire, Convertir pour sauver les âmes: l’Église catholique et la conversion des Juifs au XIXe siècle, a quello di Marc Rastoin, Paul de Tarse et le judaïsme: entre colère et salut, che apre alla nuova dimensione percepita in atto fra biblisti e teologi sensibili e attenti che, muovendo da una teologia/ideologia della sostituzione, si aprono alla teologia della benedizione. Come gli interventi e i gesti simbolici dei Papi negli ultimi decenni hanno ampiamente dimostrato.
Studiosi di vaglia si susseguono illustrando le diverse sfaccettature che non impone alla missione un volto nuovo, pur sempre presente e sostanzialmente non diverso, ma esige un atteggiamento diverso: Daniel Moulinet, Olivier Rota, Anaël Lévy  Éliezer Schilt, Yves Chevalier, François Lestang, Philippe Loiseau, Thierry Vernet, Marie-Hélène Robert. Tutti, in modalità diverse, impegnati sul fronte che richiede distacco critico ed insieme fraternità intellettuale per poter procedere, pur con passo diverso, alla stessa meta: «il punto più innovatore, in queste esplorazioni, è certamente tenere conto non solo delle Scritture ma anche della tradizione vivente e orale d’Israele, che lo costituisce come popolo, nella sua origine, nel sua odierna complessità e nella sua speranza fondata sulla promessa divina».
Una teologia della benedizione che riconosce in Gesù di Nazareth, il Figlio di Dio, il Salvatore, Lo testimonia e Lo annuncia, ma ha posto fine all’organizzazione di una missione. Infatti, come afferma il recente documento “Perché i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili”: «la Chiesa cattolica non conduce né incoraggia alcuna missione istituzionale rivolta specificamente agli ebrei… i cristiani sono chiamati a rendere testimonianza della loro fede in Gesù Cristo anche davanti agli ebrei; devono farlo però con umiltà e sensibilità, riconoscendo che gli ebrei sono portatori della Parola di Dio e tenendo presente la grande tragedia della Shoah».
26 giugno
 
< Prec.   Pros. >

Chi e' online

Davar

“Al contrario, vivendo secondo la verità nella carità, cerchiamo di crescere in ogni cosa verso di lui, che è il capo, Cristo,” (Efesini 4:15)

Powered by BibleGateway.com