riga
Scarica il Flash Player per visualizzare il filmato!!
Home arrow Pubblicazioni

L’unico ovile. Maria Elisabetta Hesselblad
di Dobner Cristiana
 

Editore : Edizioni San Paolo

Cinisello Balsamo (MI) 2004

Maria Elisabetta Hesselblad (1870-1957) appartiene a quella grande schiera di testimoni che Giovanni Paolo II nella Tertio millennio adveniente riunisce nell'«ecumenismo dei santi».
Svedese, luterana, afferrata da Dio fin dall'infanzia nell'icona evangelica dell'«Unico Ovile», vive un'anticipazione singolare e moderna nel servizio che tutta la sua vita offre all'umanità e alla Chiesa: la diakonia dell'Unità. Dimentica di sé e attenta alle esigenze dei familiari, affronta ragazza diciottenne l'emigrazione in America; si costruisce con fatica una professionalità di infermiera che esercita sempre rivolta ai poveri, ai sofferenti. Quelli che sembrano sbarramenti si stringono invece in un rettifìlo che, dalla prima esperienza infantile, la conduce all'esperienza di donna matura: la casa di Santa Brigida a Roma. Perché? Lo Spirito Santo la sollecita a diventare cattolica, a dimenticare le proprie gravi malattie e ad affrontare un progetto, folle agli occhi di tutti ma non a quelli di Dio: in quella casa far rifiorire una vita monastica spesa per la Svezia e per la passione ecumenica.
La sua diakonia, eccezionale, la via del martirio «bianco», deve diventare diakonia, normale, oggi per tutti i cristiani: l'Unico Ovile cui ci conduce Giovanni Paolo II in «un esodo senza ritorno», perché «l'ora dell'Unità è scoccata!» (M.M. Tekla).


- 0 voto (1638 visite)
Solo gli utenti registrati possono valutare i libri e scrivere i commenti
Nessun commento al libro

[Indietro]

Chi e' online

Davar

“In quel giorno direte: «Lodate il Signore, invocate il suo nome; manifestate tra i popoli le sue meraviglie, proclamate che il suo nome è sublime.” (Isaia 12:4)

Powered by BibleGateway.com